Cip e Sky
Martina e l'emozione del debutto: «Come la prima volta»Versione stampabile


immagine sinistra

Manca poco più di una settimana a mercoledì 7 settembre, data della cerimonia di inaugurazione dei 15° Giochi Paralimpici Estivi, in programma a Rio de Janeiro fino a domenica 18. A pochi giorni dalla partenza, abbiamo intervistato gli atleti piemontesi in gara per analizzare aspettative, morale ed emozioni. Iniziamo la serie con l'atleta più giovane, Martina Barbierato: 22 anni, Campionessa Mondiale ed Europea Juniores di sollevamento pesi e prima donna italiana a partecipare alle Paralimpiadi nella disciplina. Ricordiamo che Martina sarà impegnata nel powerlifting classe 55 kg.

Quali sono le tue aspettative?

Sinceramente, non so cosa aspettarmi a Rio, mi sembra di tornare alla mia prima gara: comunque sia, farò il mio meglio; in allenamento sono riuscita a migliorare di circa 15 kg gli 81 realizzati in Coppa del Mondo a Kuala Lumpur a febbraio. Sarà comunque difficile arrivare a medaglia, l'oro si giocherà sopra i 120 kg.

E le tue emozioni a pochi giorni dall'inizio dei Giochi?

Volendo descrivere il mio stato d'animo attuale posso dire di sentirmi in una specie di limbo tra l'impazienza che arrivi il momento della gara e la speranza di affrontarla con la giusta confidenza e la giusta concentrazione.

Come ti stai preparando?

Al momento le mie prestazioni, in allenamento, oscillano tra i 95 e i 98 kg, durante gli ultimi giorni dovrò cercare di migliorare, soprattutto, la tecnica. La preparazione, in generale, è andata molto bene, con due allenamenti al giorno; l'ultimo "collegiale" si è svolto a Savona alla presenza dei vertici della FIPE: loro credono molto in me e mi spingono a fare sempre meglio.  

Con chi andrai a Rio?

Da sola, la mia famiglia mi seguirà da casa!



29/08/2016


SporTorino.it

Accesso WebMail

Utente:
Passwd:

Calendario Nazionale Eventi

<<  Novembre  >>
LMMGVSD
  12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930

Superabile
IpcEpc
© 2010 - Comitato Italiano Paralimpico