Cip e Sky
Bronzo in Coppa del Mondo di paracanoa per Veronica Silvia BigliaVersione stampabile


immagine sinistra

Lo scorso weekend a Szeged (Ungheria), Veronica Silvia Biglia ha conquistato una medaglia di bronzo in Coppa del Mondo di Paracanoa nella categoria VL2 200 metri. Per l'atleta piemontese (di Casale Monferrato) del CUS Torino si è trattata della seconda medaglia internazionale dopo l'argento agli Europei ottenuto lo scorso anno a Duisburg, in Germania. Per l'occasione abbiamo raggiunto la stessa Veronica e il suo allenatore Matteo Tontodonati (anche Collaboratore Tecnico della Nazionale di Paracanoa) per raccogliere le impressioni dopo questo importante successo.

Tontodonati: "Veronica si è comportata molto bene abbassando di tre secondo il proprio personale, nonostante fosse la prima gara internazionale dell'anno perché reduce da un mese di stop dovuto alle cure sperimentali a cui si è sottoposta a Pavia. Il risultato ottenuto è stato buono e lei ha seguito le mie indicazioni, mantenendo la calma e il sangue freddo. L'obiettivo, ampiamente centrato, era quello di riuscire ad esprimersi al meglio; non era facile visto il clima non proprio sereno dovuto alle vicissitudini federali. Se a tutto questo aggiungiamo il fatto che Veronica deve anche conciliare il suo ruolo di mamma di una bambina di quattro anni e la distanza da Torino, capite che stiamo parlando della più forte in Italia".

Biglia: "Sono arrivata a questa competizione abbastanza scarica visto il periodo di convalescenza in ospedale, proprio per questo il mio risultato poteva essere anche migliore, non sono mai contenta e cerco sempre di migliorare. Purtroppo durante gli ultimi 100 metri stavo cadendo dalla canoa e sono stata costretta a rallentare per non rischiare di ribaltarmi. In generale, comunque, non è un periodo facile: lo stallo che si sta vivendo in federazione si sta facendo sentire anche tra noi atleti. Per quanto riguarda gli obiettivi, proverò a qualificarmi agli Europei di luglio in Bulgaria e ai Mondiali di agosto in Repubblica Ceca; per farlo, dovrò fare i tempi necessari durante il prossimo raduno in programma a Castel Gandolfo (Rm) tra qualche giorno, in questo periodo ci sarà tempo e modo per modificare la barca, rendendola più stabile. Un bilancio su me stessa? Come mamma cerco di conciliare il tempo da trascorrere con mia figlia con gli spostamenti dovuti allo sport, per fortuna i miei genitori mi aiutano molto in questo. Come atleta sono ancora in fase di costruzione, quindi non posso considerarmi "arrivata", devo smussare alcuni lati della mia tecnica".



02/06/2017


SporTorino.it

Accesso WebMail

Utente:
Passwd:

Calendario Nazionale Eventi

<<  Settembre  >>
LMMGVSD
    123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930

Superabile
IpcEpc
© 2010 - Comitato Italiano Paralimpico